Bonus 80 euro: ci sarà anche nel 2016 ma …

Il Governo Renzi mantiene il bonus 80 euro in busta paga ma lo converte in detrazione fiscale per farlo pesare meno nel bilancio dello Stato ed alleggerire la pressione fiscale.
La categoria dei lavoratori dipendenti, in particolare, é in trepidante attesa di conoscere non tanto la conferma che appare scontata come già affermato nella scorsa Legge di Stabilità, quanto la nuova veste che avrà il bonus 80 euro, meglio conosciuto con il nome di bonus Renzi 80 euro.
Il Governo sembra aver già deciso di trasformare il beneficio passando da una prestazione sociale a carico delle casse dello Stato ad una semplice detrazione fiscale. In parole più semplici, se da un lato questa nuova veste mette più in ordine i conti del bilancio dello Stato, dall’altro agita non poco i lavoratori italiani, i quali si chiedono cosa cambia, dal punto di vista quantitativo, nella loro busta paga mensile.
Ricordiamo brevemente che il bonus 80 euro è un credito Irpef di 960 euro annui, 80 euro al mese appunto, fruibile da coloro che hanno maturato un reddito annuo fino a 24.000 euro. Al superamento di questa soglia il bonus IRPEF decresce fino ad azzerarsi al raggiungimento del livello di 26.000 euro di reddito annuo.
I soggetti beneficiari sono i lavoratori dipendenti, così come definiti all’art. 49 del TUIR (Testo Unico Imposte sui Redditi), ovvero quelli i cui redditi derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri, compreso il lavoro a domicilio quando è considerato lavoro dipendente.
Col passaggio a detrazione fiscale il bonus 80 euro non sarà erogato in maniera eguale per ciascun lavoratore: infatti le detrazioni fiscali sono legate al reddito e quindi anche il bonus a partire da gennaio 2016 sarà calcolato tenuto conto del reddito di ciascun lavoratore. Non avendo più dei parametri sui quali effettuare un calcolo, possiamo però affermare con assoluta certezza che la misura del nuovo beneficio, seppur sotto forma di detrazione fiscale, oscillerà di pochi euro, rispetto agli 80 euro finora percepiti.

 

Info: Legge di Stabilità 2016